Aleppo, appello per l’apertura id un corridoio umanitario immediato

Aleppo, appello per l’apertura id un corridoio umanitario immediato

Roma, 14 dic – In queste ore Aleppo è sotto il tiro delle bombe. A farne le spese sono i bambini, assediati in una città che crolla a pezzi sotto il peso delle cannonate.
Esecuzioni sommarie, vendette, rappresaglie, stragi di civili vittime di una guerra che in cinque anni ha già fatto circa 300 mila morti. E questo massacro si consuma sotto gli occhi di tutti. Sotto quelli della comunità internazionale che non muove un dito per fermare quest’orda di violenza.

Quelle persone attendono rassegnate la bomba o il proiettile che metterà fine ad una vita che in un certo senso è già stata spezzata da questa guerra infame. Aleppo e la Siria rappresentano solo uno dei conflitti armati che il mondo sta vivendo nelle stesse ore.

Nel video il mio appello in Senato in favore dell’apertura immediata di un corridoio umanitario per i civili siriani che continuano a morire sotto i bombardamenti. E la fine immediata delle ostilità.