Nucleare: M5S, il Governo ammette che non ci sarà un solo deposito nazionale

Nucleare: M5S, il Governo ammette che non ci sarà un solo deposito nazionale

Roma, 27 ott – “Oggi il Governo ha finalmente ammesso che i rifiuti nucleari militari non verranno smaltiti nel futuro deposito nazionale. La risposta evasiva del sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi alla nostra interrogazione rivela che l’esecutivo naviga a vista su tutta il fronte del nucleare. Ora, tenendo presente che l’Italia non ha risolto nemmeno il problema di dove mettere le scorie civili, resta da capire dove vogliano stoccare quelle militari. E quanti depositi pensino di costruire”. Attacca così il senatore del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto, commentando la risposta di Palazzo Chigi.

“Rossi ha inoltre eluso anche le domande più semplici, non rispondendo su quanta spazzatura atomica verrà prodotta dallo smantellamento definitivo del reattore Cisam di San Piero a Grado. Rispondendo con un generico “130 contenitori”, senza specificare che cosa e quanto materiale conterranno. Ed elencando invece una serie di informazioni pubblicamente note e che non attaccano il vero nodo della questione”.

Il Governo, conclude Girotto, insiste nello gestire la questione nel completo isolamento, come se la faccenda non riguardasse la sicurezza e la salute dell’intero Paese. Indifferente che i continui ritardi pesano sulle tasche dei cittadini.

Potete:
guardare la risposta del Ministero della Difesa;
leggere la risposta del Ministero della Difesa dal resoconta d’aula del Senato.