Ddl Concorrenza: M5S, Pd dice no a concorrenza sistema elettrico

Ddl Concorrenza: M5S, Pd dice no a concorrenza sistema elettrico

Roma, 2 ago – “Il Pd mantiene in vita l’oligopolio nel sistema elettrico denunciato dall’AGCM respingendo in commissione Industria Senato le istanze del settore produttivo e l’emendamento M5S sulla libera concorrenza del sistema elettrico. In compenso è stato approvato un ordine del giorno che è una presa in giro per i piccoli produttori di energia. Non ci prestiamo a questi giochetti. Ancora una volta il governo e la maggioranza dimostrano di avere più a cuore gli interessi delle lobby dell’energia fossile che lo sviluppo delle rinnovabili e della generazione distribuita. Come la Guidi, anche il Ministro Calenda è legato agli interessi di bottega”. È il commento del senatore del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto subito dopo la votazione dell’emendamento sui Sistemi di distribuzione chiusi (SDC).

“Il partito di Renzi – continua – ha perso l’ennesima occasione per mettersi al servizio della buona economia, della salute e dell’ambiente. Contro questa scorrettezza nei confronti di tanti piccoli investitori nella generazione distribuita, ricorreremo presso la Commissione europea, le cui linee guida in questo senso sono chiare. Riapriremo anche la discussione in Aula sul ddl Concorrenza, ripresentando il nostro emendamento che punta a ripristinare una legge già esistente che garantisce le dovute tutele agli operatori del settore della sostenibilità e dell’efficienza”.