Facciamo il punto sulla Tav che sventra Vicenza

Facciamo il punto sulla Tav che sventra Vicenza
1505364_775517949163963_8717934341781854086_n
Facciamo brevemente il punto sulla Tav che sventra Vicenza, dopo la manifestazione di lunedì 12 gennaio, a cui hanno partecipato tantissime persone. La Grande Opera Inutile che vorrebbero per la città ha molti retroscena, alcuni parecchio inquietanti, come ha spiegato anche il collega portavoce Enrico Cappelletti.
La Tav a Vicenza è un affare da 5 miliardi di euro. Di cui circa 700 milioni per il raddoppio dei binari. Il resto per opere urbanistiche complementari, alcune assurde (spostare la stazione appena restaurata), altre pericolose (un tunnel sotto Monte Berico), altre infine inutili e dannose. Queste alcune considerazioni, che ho potuto illustrate in piazza questa sera, con molta gente accorsa, nonostante il freddo pungente:– Sappiamo che ogni giorno in Italia 2.800.000 passeggeri prendono un treno locale e “soli” 120.000 prendono l’alta velocità. Però il Governo finanzia l’A.V., e si dimentica dei pendolari.- Sappiamo che l’alta velocità perde passeggeri addirittura in Francia, patria dei treni ad A. V.

. Sappiamo che il corridoio 5 é una leggenda…. Non esiste più. Ci raccontano quello che vogliono… mentendo.

– Sappiamo che anche la Francia ha definito il progetto TAV non più prioritario. E che per riuscire comunque a convincere i francesi a realizzare l’opera, il tunnel della Torino-Lione é pagato (in buona parte) dall’Italia, anche per la parte francese.

– Sappiamo che perfino l’Unesco si é attivata per salvaguardare la città di Vicenza da questo scempio. Ricordo che la città di Dresda ha perduto il patrocicio dell’Unesco per molto meno…

– Sappiamo che con o senza la stazione dell’alta velocità, il treno non fermerà comunque a Vicenza, in quanto le fermate seguono logiche squisitamente commerciali. Basti vedere la stazione di Reggio Emilia: una cattedrale nel deserto.

 

10922452_10202162633347438_411088615716110496_n

Sappiamo anche:
– che il Sindaco di Vicenza ha una fretta incredibile di chiudere questa partita. Forse perché la vuole chiudere prima che venga adeguatamente compresa dai cittadini?

– che le fonti di finanziamento non sono note, anzi sono indefinite. Ho presentato una interrogazione parlamentare al Ministro delle Infrastrutture, che non mi ha ancora risposto. E le risposte alle interrogazioni regolarmente non arrivano… quando pongono in imbarazzo il governo (http://www.vicenzapiu.com/leggi/tac-unesco-e-vicenza-interrogazione-parlamentare-del-m5s).

– che guarda caso, il progettista (che non ha vinto alcuna gara pubblica), ha finanziato la campagna elettorale del sindaco di vicenza Variati

– che guarda caso l’aumento di valore degli immobili connesso allo spostamento della stazione ferroviaria in zona Borgo Berga, si tradurrà in un vantaggio indiretto per la famiglia Maltauro, anch’essa finanziatrice della campagna elettorale dell’on. Moretti

– che per capire l’insensibilità di questa amm.ne comunale nei confronti della tutela del patrimonio storico ed architettonico di Vicenza, basti fare un salto a Borgo Berga. Una speculazione immobiliare da 100.000 mq che ha irrimediabilmente sfregiato la città, in una delle sue aree storicamente più prestigiose. Inoltre i conti su Borgo Berga non tornano. Sussistono vantaggi quasi esclusivamente a senso unico per i privati. Abbiamo dunque presentato un esposto alla Corte dei Conti che ha messo in mora l’intero consiglio comunale… che comunque persevera coi progetti colossali, come se niente fosse.

10919056_10202162631267386_8917184445116653276_n

Noi del M5S vogliamo che la cittadinanza venga coinvolta in questa rivoluzione urbanistica, esprimendosi con un referendum. Si chiama democrazia…

Non subiamo tutto questo stando zitti… per non doverci voltare indietro tra qualche anno, e rimpiangere per non aver fatto oggi, tutto quanto potevamo fare per fermare questo scempio.

Basta consumo di territorio e speculazioni edilizie nella nostra città!

10429299_10202162640427615_5457300414743484533_n