Qualche volta i sogni volano!

Qualche volta i sogni volano!

Credo che ognuno di noi, da bambino, abbia sognato di volare, qualche volta in cielo, qualche volta sopra il mare… e chi ha avuto la possibilità di andare con una barca a vela sa che la sensazione che si prova è simile, ci si sposta senza sforzo, spinti silenziosamente dal vento…

Ebbene da qualche tempo a questa parte il vento non è più l’unico mezzo silenzioso di propulsione delle navi, lo è diventato anche il sole!

In questo video vedete questo splendido catamarano, coperto da pannelli fotovoltaici, che gli hanno già consentito di fare il giro del mondo (e di dargli un autonomia di movimento di 3 giorni senza sole). Un paio considerazioni mi vengono alla mente:

– lo hanno costruito gli Svizzeri, tanto di cappello, ma perchè loro che non hanno un metro quadrato di mare, e non noi, che siamo maestri nella cantieristica?

– perchè l’Italia, che nel 1993 era il 2° produttore mondiale di energia fotovoltaica, seconda solo al giappone, ha perso questo treno tecnologico? E sì che eravamo stati tra i primissimi a produrre celle fotovoltaiche, addirittura nel 1980 avevamo un impianto che produceva 5 Mwatt all’anno di celle… ma aspetta, forse perchè quell’impianto era di proprietà dell’ENI, e che la stessa non ha più voluto proseguire su questa strada, lasciando morire la prima struttura produttiva di celle fotovoltaiche italiana…?

ENI, hai lasciato morire l’energia che fa volare i sogni…!!!

adesso sono gli altri a sognare, a produrre, a crescere, mentre noi, novità delle novità, puntiamo al raddoppio delle estrazioni petrolifere per calmare la nostra sete di energia, ben sapendo che si tratta solo di rimandare più in là i problemi che prima o poi, inevitabilmente, si presenteranno alla cassa!

Ma niente paura, ci penseranno i Fondi d’investimento ad acquistare, a poco prezzo, quegli impianti Rinnovabili che la politica degli ultimi governi ha reso non più remunerativi e che quindi forse falliranno… verranno messi all’asta e appunto acquistati sia da soggetti esteri che da italiani che hanno capito che in ogni caso, IL FUTURO E’ DELLE RINNOVABILI, ma stanno appunto aspettando il momento buono per acquistare a poco prezzo ciò che altri hanno realizzato con grandi sforzi e sacrifici.

Buoni sogni a tutti!